Blog Modistore

Blog di informazione su telefonia fissa e mobile

5G con 3, Ericsson parte in Scandinavia aggiornando la rete

19 maggio 2017 di Valerio Longhi

L’annuncio è di stamani. Ericsson è stata selezionata da Hi3G (3 Scandinavia) per aggiornare la propria rete mobile e ampliare la copertura 4G prima dell’avvento 5G, utilizzando la soluzione Radio System di Ericsson.

Ericsson espanderà la rete con soluzioni E-band in preparazione del 5G.
A tal fine, Ericsson sostituirà le apparecchiature esistenti a favore della soluzione cosiddetta “Ericsson Radio System”, di cui è leader nel mercato. Ciò consentirà a Hi3G di lanciare i servizi MIMO (Multiple Input Multiple Output) e Massive MIMO, migliorando notevolmente la copertura e la capacità della rete svedese.

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK | MONDO3 SU TWITTER

Ericsson è stato inoltre selezionato per distribuire le sue soluzioni  MINI-LINK, tra cui il premiato MINI-LINK 6363 e MINI-LINK 6352 per E-band, nella rete di trasmissione HiG3.

Questo è un passo significativo verso l’espansione della capacità della rete operativa in Danimarca e in Svezia nonché per la preparazione per 5G.

Il nuovo portafoglio MINI-LINK 6600 offre capacità molto elevate, bassa latenza e il supporto L3 VPN in un formato molto compatto. Combinando le unità esterne MINI-LINK e le unità interne, tutti gli scenari di rete, comprese le soluzioni multiband, sono ora supportate con prestazioni superiori e a costi minimi.

Il sistema radio di Ericsson e le soluzioni microonde MINI-LINK consentono a Hi3G di soddisfare le esigenze di maggior traffico, riducendo la latenza e preparando la rete al 5G in anticipo rispetto alle necessità che IoT richiederà.

 

CS

Continua a leggere
39 Visite
0 Commenti

Si arricchisce l’offerta Rabona Mobile: da oggi al via nuove offerte

19 maggio 2017 di Fabrizio Castagnotto

È ripartita da poco l’avventura come MVNO di Rabona Mobile, e oggi il gestore annuncia l’avvio di nuove offerte e promozioni, che vanno ad aggiungersi a quelle già presenti nell’offerta commerciale.

Il parco tariffe di Rabona si arricchisce dunque di altre 4 offerte a pacchetto, con i nomi che richiamano sempre il gioco del Calcio.

La prima si chiama PLAY OFF, ha un canone di 6 Euro al mese (30 giorni) e prevede:

200 Minuti verso tutti 20 SMS 1 Giga

C’è poi l’offerta TOP 11, con un canone di 11 Euro al mese:

800 Minuti verso tutti 80 SMS 3 Giga

Le altre due nuove offerte Rabona Mobile sono dedicate a chi non ha uno smartphone o comunque utilizza il cellulare esclusivamente o prevalentemente per telefonare: includono infatti solo traffico voce.

NUMERO 5 offre 500 minuti a 4,90 Euro/mese mentre MEDIANO ne offre il doppio (1000) a 8 Euro.

Continua dunque il tentativo di Rabona di inserirsi in un mercato che si sta dimostrando, in questo periodo, molto competitivo.

Continua a leggere
24 Visite
0 Commenti

Arriva la rimodulazione 3 anche per le All-In con impegno

18 maggio 2017 di Valerio Longhi

Continua l’ondata di rimodulazioni per i vecchi clienti 3 Italia, ora tocca anche quelli con impegno.

Con una serie di SMS in partenza da oggi, giovedì 18 maggio, arriva anche l’annuncio sul sito tre.it: “Se sei destinatario di uno specifico SMS, inviato a partire dal 18 maggio 2017, la tua opzione di tipo ALL-IN con addebito su Conto Corrente o Carta di Credito subirà delle modifiche.”

Nel messaggio SMS troverai un link ad una pagina personalizzata nella quale saranno indicate le componenti oggetto di modifica che potranno riguardare:

la variazione delle soglie di traffico incluso da settimanale a 30 giorni (escluse ALL-IN con soglie giornaliere) la variazione dell’addebito del canone per il costo di rinnovo da mese solare a 30 giorni con un possibile incremento fino a 2.99 euro/30 giorni. la variazione dell’importo extrasoglia voce e sms a 29 cent€/min e sms (escluse ALL-IN con soglie voce/sms illimitate)

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK | MONDO3 SU TWITTER

Le modifiche saranno applicate a partire dal primo rinnovo utile successivo al 30 giugno ed entro tale data sarà possibile recedere dal servizio e/o passare ad altro operatore senza penali.

Chi ha ALL-IN 200 EXTRA, ALL-IN 400 EXTRA, ALL-IN 800 Extra Fast, ALL-IN 1600 Extra Fast, ALL-IN ONE 4GB in pratica si trova questo avviso:

Modifiche a partire dal 1 luglio 2017

“Per intervenute modifiche delle condizioni strutturali di mercato e dell’offerta, a partire dal primo rinnovo utile successivo al 30 giugno della tua opzione ALL-IN, con addebito su Conto Corrente o Carta di Credito, tutto il traffico incluso sarà subito disponibile e utilizzabile nell’arco di 30 giorni, anziché diviso in soglie settimanali. Il costo del rinnovo periodico verrà addebitato ogni 30 giorni e aumenterà di 1.50 euro.

Nell’ottica di un maggior controllo della spesa e di semplificazione dell’offerta, le soglie di traffico incluso saranno disponibili per 30 giorni e potranno essere utilizzate in modo più flessibile per tale periodo, sostenendo così i costi extrasoglia solo al consumo totale di minuti, SMS e Giga previsti dalla tua opzione.

Al superamento dei minuti e degli SMS inclusi nella tua ALL-IN, ad eccezione delle ALL-IN  con soglie illimitate,  verrà applicata una tariffa senza scatto alla risposta e con tariffazione al secondo di 29 centesimi al minuto per le chiamate e di 29 centesimi per gli SMS. La tariffa applicata al superamento dei Giga disponibili resta invariata.

L’addebito del costo dell’opzione continuerà ad essere effettuato sul tuo metodo di pagamento con le attuali modalità.

I minuti, gli SMS e i Giga eventualmente non utilizzati nel corso dei 30 giorni scadono improrogabilmente.

I clienti interessati da questa modifica sono preventivamente informati con una comunicazione personale inviata tramite SMS con un preavviso di almeno 30 giorni così come prescritto dai termini di legge. Nell’SMS saranno indicati l’offerta su cui è intervenuta la variazione, i contenuti e i termini per esercitare il diritto di recesso.

Come previsto dall’art. 70 comma 4 del codice delle comunicazioni elettroniche, entro il 30 giugno 2017 è possibile passare ad altro operatore o esercitare il diritto di recesso dai servizi 3 senza penali né costi di disattivazione: inviando una comunicazione con lettera raccomandata A.R. al seguente indirizzo: Wind Tre S.p.A. Casella Postale 133 – 00173 Roma Cinecittà o mediante comunicazione da inviare dalla tua casella di posta elettronica certificata all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti ricordiamo che dovrai aver cura di specificare la causa del recesso indicando nella comunicazione di cui sopra la dicitura «Modifica offerta ALL-IN PLUS».”

Continua a leggere
32 Visite
0 Commenti

Internet in mobilità, aumentano i giga, diminuiscono i costi: lo studio di SOS Tariffe

Nel 2017 aumentano i GB nelle offerte solo Internet Mobile: 11 GB al costo di 13,2 euro. È la media rilevata da SosTariffe.it che ha analizzato tutte le offerte vendibili dal 2015 a oggi per avere traffico dati da smartphone, PC, tablet e altri device. Analizzata anche la tendenza nelle abitudini di consumo del traffico dati: secondo SosTariffe.it a diminuire maggiormente è l’interesse verso le internet key, che hanno perso in un anno il 22,2% di ricerche sul comparatore di offerte per Internet mobile.

Non solo pacchetti tutto compreso: l’universo delle offerte per navigare in mobilità è ricco anche di tariffe per utilizzare il solo traffico dati, senza dover necessariamente attivare un’opzione che abbia anche chiamate e SMS, magari utilizzabile solo da smartphone. Quanto possono costare queste offerte e quali sono i principali device sulle quali vengono utilizzate?

SosTariffe.it pubblica l’ultimo studio sulle offerte per Internet Mobile che ha analizzato costo e composizione di queste tariffe dal 2015 a oggi. È stato rilevato il numero di ricerche effettuato sul sito di comparazione riguardo alle offerte per internet key, smartphone e tablet in modo da osservare l’abitudine di consumo delle tariffe mobile.

Costo offerte Internet mobile: più Giga, ma costo invariato dal 2015

Secondo l’osservatorio di SosTariffe.it (i dati sono disponibili nella tabella a fianco) dal 2015 il canone periodico medio dei pacchetti per il solo traffico mobile spendibile su chiavette internet, Pc, tablet o smartphone è rimasto pressoché invariato a 13 euro circa. A fronte di questa spesa, tuttavia, si possono ottenere nel 2017 più Giga di traffico rispetto ai due anni precedenti.

Nel 2015 si potevano ottenere mediamente 8,1 Giga di traffico pagando 12,8 euro; l’anno successivo la spesa è stata di 13,4 euro per quasi 9 Giga di navigazione in mobilità.

Quest’anno SosTariffe.it rileva un aumento, dal 2015, del traffico disponibile di oltre il 35%: i Giga inclusi nelle offerte mediamente sono 11, mentre il canone periodico è aumentato di appena il 3% arrivando a 13,2 euro.

Traffico Internet mobile: i device più utilizzati

Lo studio di SosTariffe.it continua con l’analisi sul numero delle ricerche effettuate nel 2016 e nel 2017 per le tariffe attivabili per Internet Key, Tablet e Smartphone. I dati sono riassunti nella tabella e danno una stima sull’impiego del traffico dati che si acquista con le offerte solo Internet Mobile.

Come prima evidenza si può notare che l’uso delle tariffe solo internet mobile è generalmente in calo: dal 2016, infatti, le richieste di queste tariffe sono scese del 18,4%.

L’altra conclusione importante dello studio è che, in entrambe le annualità analizzate, oltre il 50% degli utenti di SosTariffe.it ha ricercato tariffe per chiavette Internet. Questi device, quindi, rimangono ancora i più gettonati tra i consumatori che cercano un’offerta con solo traffico dati. Tuttavia questo sta cambiando: rispetto al 2016, c’è stato un calo di ricerche di tariffe da attivare su Internet key del 22,2%.

Il 28% delle comparazioni riguardano tariffe per tablet. Anche questo dispositivo, tuttavia, sta perdendo consensi tra gli utenti di SosTariffe.it, in quanto rispetto all’anno precedente si registra un calo del 16,8% nelle ricerche effettuate.

Meno richieste le tariffe Internet Mobile per smartphone il che indica che, molto probabilmente, per questo scopo gli utenti preferiscono attivare direttamente pacchetti tutto compreso con chiamate, SMS e traffico dati. In particolare, solo il 19% delle ricerche nel 2017 riguarda tariffe Internet mobile per smartphone e, rispetto all’anno scorso, tali ricerche sono diminuite dell’8,7%.

Offerte solo Internet mobile vs. pacchetti “All Inclusive”

In un precedente studio pubblicato recentemente da SosTariffe.it, è stato osservato come gli attuali pacchetti tutto compreso della telefonia mobile includano mediamente 1.200 minuti, 650 SMS e poco più di 5 GB di traffico al costo periodico di 14 euro.

Per gli utenti, quindi, che ancora utilizzano lo smartphone per fare chiamate e inviare SMS, può essere più vantaggioso sottoscrivere un’offerta di questo tipo, soprattutto qualora 5 Giga al mese fossero sufficienti perché si utilizzano altre tecnologie per navigare durante gran parte del tempo (ADSL, fibra ottica, etc).

I consumatori che, invece, comunicano quasi esclusivamente tramite Internet mobile, magari sostituendo SMS e chiamate con servizi di messaggeria istantanea come WhatsApp e simili, potrebbero trovare una maggior convenienza nelle offerte solo dati: praticamente allo stesso prezzo si hanno più del doppio di Giga.

Le rilevazioni sono state possibili grazie allo strumento di comparazione delle tariffe Internet Mobile messo a disposizione da SosTariffe.it e disponibile anche su Mondo3 al seguente indirizzo: http://tariffe.mondo3.com/confronto-offerte-internet-mobile/, che rappresenta un supporto utile per confrontare le migliori offerte per navigare in mobilità.

Continua a leggere
17 Visite
0 Commenti

Iliad presenta una trimestrale ancora in crescita, numeri positivi per i francesi

18 maggio 2017 di Valerio Longhi

Iliad, futuro quarto operatore mobile italiano, continua a macinare numeri positivi.
Almeno questi emergono dal primo bilancio del primo trimestre 2017, eccone un estratto dalla nota stampa.

Alcuni numeri in sintesi: il fatturato del Gruppo è aumentato di quasi il 7% nel trimestre raggiungendo quota. 1.224 milioni di euro.
In Francia si sono registrati inoltre 300.000 nuovi abbonati per le offerte su rete fissa e mobile nel trimestre, accreditandosi come primo operatore mobile in termini di acquisizioni per il 21° trimestre consecutivo.

Vola anche la fibra, non solo per la velocità: per la rete FTTH sono quasi 60 000 i nuovi abbonati nel trimestre, raggiungendo la 2 ° posizione tra gli operatori transalpini che offrono servizi FTTH.

Numeri importanti anche per la rete 4G: gli abbonanti sono 6,3 milioni con un consumo medio mensile di 6 GB su rete LTE che ha raggiunto, come copertura, oltre l’80% della popolazione al 31 marzo 2017.

 

Riassumendo: in un ambiente ancora altamente competitivo, il Gruppo ha continuato la nuova accelerazione della crescita del fatturato sulle sue attività a banda larga, a ritmi più elevati rispetto al 1 ° trimestre del 2016.
In tal modo, i ricavi sono aumentati del 5,0% (contro il 3,9% rispetto allo stesso periodo nel 2016).

Continua a leggere
13 Visite
0 Commenti

È il giorno di Apple Pay: da oggi anche in Italia si paga con iPhone e Apple Watch

17 maggio 2017 di TecnoGazzetta

L’attesa è finalmente finita: anche i possessori di iPhone e Apple Watch in Italia possono finalmente pagare utilizzando il proprio smartphone o smartwatch. Apple Pay è ufficialmente disponibile in Italia, infatti, a partire da oggi (17 maggio 2017).

Apple Pay è il servizio di pagamento contactless sviluppato da Apple, in collaborazione con banche, emittenti di carte di credito ed esercenti, semplice da usare e sicuro. Ecco come lo descriveva la casa di Cupertino al lancio negli USA, avvenuto nel 2014:

Apple Pay è studiato per proteggere le informazioni personali dell’utente. Non raccoglie alcun dato relativo alla transazione che potrebbe ricondurre direttamente all’utente e le transazioni di pagamento restano private e condivise solo fra acquirente, negozio e banca dell’acquirente. Apple non raccoglie i dati relativi alla cronologia degli acquisti, perciò quando l’utente fa acquisti in un negozio o paga il conto del ristorante, non sappiamo cosa ha preso, dove ha comprato o quanto ha pagato. I numeri delle carte di credito non vengono archiviati sul dispositivo: viene invece creato un codice univoco Device Account Number, crittografato e memorizzato nel Secure Element del dispositivo. Il Device Account Number nel Secure Element non viene condiviso con iOS né su iCloud.

Apple Pay può essere utilizzato sia presso negozi fisici (tramite i POS contactless) che tramite App o siti web.

Il pagamento avviene in maniera semplice con un tocco: non serve compilare lunghi moduli o digitare più e più volte le informazioni di spedizione e fatturazione. Il numero della carta di credito resta privato e non viene condiviso con il negozio online. Lo shopping online dalle app permette agli utenti di pagare beni e servizi, inclusi abbigliamento, elettronica, prodotti per salute e benessere, biglietti e molto altro.

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK

Poiché la sua abilitazione dipende da specifici accordi tra Apple e gli istituti bancari o che emettono carte di credito, al lancio il servizio è disponibile solamente con alcune carte di credito emesse da specifici partner (Carrefour Banca, Boon, Unicredit), facenti parte dei circuiti VISA e MASTERCARD.

La pagina ufficiale del sito Apple, nel suo aggiornamento odierno, riporta però già la lista dei partner che aderiranno nei prossimi mesi, a partire da AMERICAN EXPRESS ed alcune delle principali banche online (Banca Mediolanum, Fineco, Widiba, ecc.).

La notizia è in evoluzione, di seguito vi riportiamo i link ai principali comunicati stampa diffusi nella giornata di oggi e raccolti da TecnoGazzetta.it. L’elenco è in costante aggiornamento.

1. Apple Pay & MasterCard Italia

2. Saldiprivati annuncia la partnership con Apple Pay

3. Visa Italia + Apple Pay

4. Pagamenti smart con Apple Pay anche da Unieuro

5. Supermercato24, la spesa online si paga con Apple Pay

Continua a leggere
11 Visite
0 Commenti

On air il nuovo spot TV Wind Magnum: Fiorello alle prese con… la rasatura

17 maggio 2017 di Redazione

 

Wind è on air in TV con un nuovo spot del format “Io non cambio, resto a Wind”.

In questo episodio, Fiorello amplifica un rito tutto maschile: la barba del mattino, con un rasoio avveniristico, intuitivo e che, soprattutto, garantisce rasature ‘illimitate’.

Anche in questo spot, come nei precedenti, Fiorello conferma la sua fedeltà alla marca e lancia la nuova Wind Magnum che offre minuti illimitati e 5 Giga a 14,90 euro ogni 4 settimane.

In esclusiva, in abbinamento all’offerta, è possibile acquistare, con 2 Giga inclusi, il nuovo Samsung Galaxy S8.

I clienti Wind possono contare sulle infrastrutture di Wind Tre, il più grande operatore nazionale di telefonia mobile che sta realizzando importanti investimenti nel digitale per servizi sempre più affidabili e veloci.

CS

Continua a leggere
16 Visite
0 Commenti

PosteMobile sceglie Tania Cagnotto per la campagna dell’offerta “Creami Revolution”

17 maggio 2017 di Valerio Longhi

Lo spot,  firmato da MacCann Roma, sarà on air in tv fino al 3 giugno

PosteMobile, operatore di telefonia di Poste Italiane, torna on air sulle principali reti nazionali  con una campagna di comunicazione che, attraverso uno spot di 30” che vede come protagonista la campionessa di tuffi Tania Cagnotto, promuove la nuova e imbattibile offerta “Creami Revolution”.

Per la realizzazione dello spot, PosteMobile si è affidata alla regia di Justin Reardon e alla casa di produzione The Family. La creatività, firmata dalla sede romana di McCann Worldgroup ha messo al centro del messaggio, sintetizzato dal claim ““Con PosteMobile chi vince sei sempre tu”, i concreti vantaggi del nuovo piano tariffario basati l’introduzione di una logica innovativa che premia la fedeltà del Cliente: il costo del piano sarà tanto più conveniente quanto più lunga sarà la frequenza di rinnovo scelta tra le 3 disponibili.

Lo spot  è ambientato in un palazzetto dello sport, al centro della scena c’è un podio: è il momento della premiazione. Sul gradino più basso vediamo salire una ragazza, sorride e saluta il pubblico. Poi una seconda ragazza ancora sale sul gradino di mezzo e saluta, infine una terza ragazza sale sul gradino più alto. È raggiante, è la prima classificata. Subito però ci accorgiamo che c’è qualcosa di inusuale: le tre ragazze sono la stessa persona, Tania Cagnotto, perché grazie all’ imbattibilità dei tre pacchetti di offerta “Creami Revolution”, il cliente vince 3 volte.  

Lo spot sarà on air fino al prossimo 3 giugno e la pianificazione della campagna, curata da OMD, prevede un media mix che include anche radio (dal 28 maggio al 17 giugno), stampa quotidiana e azioni digital con Video strategy, search, social e l’attivazione di influencers per generare conversazioni sul prodotto e sull’offerta. Il piano media prevede inoltre la distribuzione di materiali Btl negli uffici postali.

 

Credits

Agenzia: McCann Roma

CdP: The Family

Regia: Justin Reardon

Pianificazione: OMD

Continua a leggere
25 Visite
0 Commenti

Kena Facile, la nuova tariffa speciale per chi fa MNP da Wind, 3 e… non solo

17 maggio 2017 di Tommy Denet

Novità in casa Kena Mobile, da oggi arriva una nuova offerta speciale.
Vediamo nei dettagli la tariffa dedicata ai clienti di alcuni operatori.

Da oggi, mercoledì 17 maggio, infatti arriva la nuova offerta KENA FACILE che prevede un costo mensile sotto ai 2 euro mensili offrendo:
– 200 minuti
– 200 MB di navigazione
Canone 1,99€ per 30 giorni.

Non è previsto alcun costo di attivazione.

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK | MONDO3 SU TWITTER

Attenzione: è valida solo ed esclusivamente per chi fa  MNP da Wind, 3 Italia, Lycamobile, Poste Mobile e Fastweb.

Continua a leggere
22 Visite
0 Commenti

Var Group, numeri e obiettivi da una convention che guarda al futuro

17 maggio 2017 di Andrea Trapani

Mondo3, assieme a TecnoGazzetta, è stata media partner della Convention di Var Group che si è svolta il 15 e il 16 maggio a Riccione.

anche @Mondo3 e @tecnogazzetta tra i media partner di @VarGroup: seguite la diretta su #conventionvar pic.twitter.com/qr2KOwiezU

— Mondo3 (@Mondo3) May 15, 2017

Per parlare di Var Group bisogna partire dalla storia: Var Group è una società posseduta al 100% dal Gruppo SeSa, leader in Italia nella distribuzione di soluzioni IT a valore per le imprese, dal 2013 presente sul Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana con una capitalizzazione di circa 250 mln €.

I numeri, presentati in convention, spiegano meglio delle parole il valore generato dalla società fatturato consolidato pari a 237 milioni di euro (+5%) con dati in dettaglio che mostrano le nuove tendenze del mercato:
– business tecnology solutions: 118 milioni (-5%)
– managed services: 38 milioni (+35%)
– ERP & Vertical: 70 milioni (+19%)
– Digital Transformation: 11 milioni (+50%).

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK | MONDO3 SU TWITTER

Digital Transformation che quindi punta a diventare letteralmente un “driver” della crescita di tutto il settore IT. Ovviamente Var Group rimane in prima linea avendo come principio fondamentale “aiutare le imprese a disegnare l’evoluzione del proprio business”.

“Realizziamo con i nostri clienti soluzioni che li rendono più competitivi. Il nostro valore sono le competenze, la capacità di modellarle, questo permette alle aziende di raggiungere i propri obiettivi” come emerge nelle presentazioni della manifestazione romagnola.

Tra i vari interventi da ricordare l’intervento sulla nuova normativa GPDR, a cura dell’Avvocato Enrico Corradini, che interesserà il mondo delle imprese dal prossimo anno. Un passaggio importante che apre nuovi scenari per chi opera nel settore.

Vedi anche i due giorni di convention raccontati da TecnoGazzetta.

 

Continua a leggere
13 Visite
0 Commenti

Due nuovi costi in bolletta, ecco quali nella rimodulazione Wind del prossimo giugno

3 maggio 2017 di Valerio Longhi

Comunicazione in arrivo agli abbonati Wind per la nuova rimodulazione che riguarda chi è cliente in abbonamento.
Due nuovi costi in bolletta, ecco quali

A seguito del mutato posizionamento dell’offerta e con l’obiettivo di incentivare l’utilizzo del servizio gratuito di ricezione della Fattura in formato elettronico rispetto al tradizionale invio del documento cartaceo, si comunica che a partire dalla prossima emissione del conto telefonico, il contributo per l’invio della fattura in formato cartaceo, comprensivo delle spese di spedizione, sarà di 1,27 euro ad invio.

Le ricordiamo che, se non l’avesse già attivato, Wind mette a disposizione del Cliente il servizio e-conto by mail, per ricevere in modo puntuale e gratuito, la fattura in formato elettronico direttamente nella sua casella e-mail. Grazie al servizio gratuito di e-conto by mail, potrà visualizzare e scaricare la fattura anche da Smartphone o Tablet eliminando l’inutile accumulo di carta contribuendo attivamente alla salvaguardia dell’ambiente.

La informiamo inoltre che, sempre a partire dal prossimo conto telefonico, le sarà addebitato un importo pari a 0,73 euro per i costi di incasso sostenuti da Wind (idem come 3 Italia, ndr).

I clienti interessati dalla modifica verranno preventivamente informati tramite comunicazione in fattura e come previsto dall’art. 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche e in considerazione della presente proposta di modifica delle Condizioni contrattuali, qualora non accettino la variazione sopra indicata, avranno il diritto di recedere dal contratto o di passare ad altro operatore, senza penali né costi di disattivazione entro il 1 Giugno 2017, inviando comunicazione con lettera raccomandata A.R. specificando come oggetto: “modifica delle condizioni contrattuali” al seguente indirizzo:

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK

Wind Tre SpA
Servizio Disdette
Casella Postale 14155
Ufficio Postale Milano 65
20152 Milano

Qualora decida di recedere e alla linea interessata dalla presente proposta di modifica sia associato un contratto per l’acquisto rateizzato di un prodotto in corso di vigenza (telefono, Tablet, etc.), prima di recedere dal contratto o di passare ad altro operatore potrà decidere se pagare le rate residue anche in un’unica soluzione, indicando tale scelta nella suddetta raccomandata. La invitiamo a contattare il servizio clienti 155 per eventuali chiarimenti.

Se desidera avere maggiori informazioni sulle modifiche contrattuali dell’ART. 5 CORRISPETTIVO DEL SERVIZIO con l’adeguamento degli articoli 5.3 FATTURE e 5.4 TERMINE E MODALITÀ DI PAGAMENTO delle Condizioni Generali di Contratto Wind, può contattare il servizio clienti Wind al 155.

Vedi anche le Condizioni Generali di Contratto relativi ai servizi Wind valide a partire dal 24 aprile 2017

Continua a leggere
58 Visite
0 Commenti

‘Italia Wifi’, Toscana prima Regione italiana ad aderire al progetto

3 maggio 2017 di Redazione

Toscana prima Regione italiana ad abbracciare il progetto ‘Italia Wifi’, che punta a federare le reti wifi esistenti nella penisola creando un sistema unico nazionale di autenticazione, attraverso la app Wifi4IT, a disposizione di tutti per ‘navigare’ gratis in Italia. E con l’obiettivo di promuovere, tra l’altro, la crescita del turismo toscano facilitando l’accesso ad internet e ai servizi digitali nelle principali località turistiche e culturali e di far decollare il progetto ‘Italia Wifi’, è stato firmato ieri pomeriggio a Firenze, a Palazzo Strozzi Sacrati, il protocollo di Intesa  tra Regione e Ministero dello sviluppo economico.

Alla firma sono intervenuti l’assessore regionale al turismo e alle attività produttive Stefano Ciuoffo ed il sottosegretario del Ministero dello sviluppo economico con delega alle telecomunicazioni Antonello Giacomelli.

Sia attraverso le infrastrutture esistenti, che attraverso la dotazione di nuovi punti di accesso wifi free, Regione Toscana e Mise si impegnano così a rendere interoperabile, con la rete nazionale, la Versilia come area pilota per la sperimentazione del progetto, oltre alla già realizzata rete “Francigena toscana Wifi”.

“Oggi si aggiunge un altro tassello del puzzle per la realizzazione di una rete wi-fi nazionale – ha dichiarato il sottosegretario Giacomelli – che consentirà ai cittadini e ai turisti di avere un’unica e semplice modalità di accesso a tutte le reti federate, pubbliche o private, superando l’attuale  frammentazione di reti e modalità di registrazione e/o accesso. Il progetto prevede  di potenziare i punti di accesso wi-fi nei luoghi del turismo e della cultura e porre le basi per la costruzione di un ecosistema dei dati del turismo, che consentirà di sfruttare la potenzialità delle informazioni e della rete per far nascere nuovi servizi innovativi”.

“Che ‘Italia WiFi’ parta dalla nostra regione non può che renderci soddisfatti. E’ assolutamente indispensabile – ha commentato l’assessore Ciuoffo – colmare il gap tecnologico che separa l’Italia dal resto d’Europa su questo punto. Il Piano Regionale di Sviluppo della Regione Toscana 2016-20 va in questa direzione. La realizzazione di una rete unica wifi, che su tutto il territorio nazionale consenta a cittadini e turisti di collegarsi con una unica chiave d’accesso, è quanto già da noi attuato sulla via Francigena e sappiamo quanto questo possa essere un valore aggiunto per il territorio. Una volta a regime inoltre consentirà anche di monitorare con maggior accuratezza i flussi turistici e quindi di tarare le strategie di offerta“.

Il progetto ‘Italia Wifi’ parte dalla Toscana ma punta a coinvolgere tutta la penisola: il Ministero dello sviluppo economico è al lavoro con Regioni e Comuni per federare le reti esistenti soprattutto in vista della stagione estiva, dopo aver firmato nei mesi scorsi un protocollo d’intesa con Rfi. L’obiettivo è quello di federare, progressivamente e in breve tempo, le altre reti (pubbliche e private) wifi del territorio italiano: a questo proposito dopo la Toscana è pronta la firma di altri protocolli d’intesa per estendere WiFi4IT ad altri poli turistici regionali.

Il progetto – che ha preso le mosse dall’accordo nel luglio 2016 tra Mise, Mibact e l’Agenzia per l’Italia digitale – consentirà con un’unica autenticazione l’accesso online al  patrimonio artistico, naturale, culturale e ricettivo, attraverso la diffusione di piattaforme intelligenti al servizio del turista, ma anche dei cittadini, sul territorio  nazionale.

Continua a leggere
38 Visite
0 Commenti

Vodafone partner del Festival della TV e dei nuovi media

3 maggio 2017 di Andrea Trapani

Vodafone Italia è per il quarto anno main partner del Festival della TV e dei nuovi media, che si terrà a Dogliani dal 4 al 7 maggio 2017.

Per l’occasione sarà allestita un’area dove poter provare Vodafone TV, il servizio di Vodafone Italia che integra in un’unica piattaforma il meglio della tv tradizionale, i contenuti on demand e la Internet TV.

Vodafone TV consente di vedere tutti i contenuti anche in mobilità grazie all’app per smartphone e tablet


Vodafone, in qualità di partner tecnologico dell’iniziativa, ha realizzato la nuova edizione dell’App ufficiale dell’evento. L’applicazione, denominata Festival TV, è scaricabile gratuitamente per piattaforma Android e iOS, e consente di avere sempre a portata di mano tutte le informazioni relative all’evento, come il programma, l’elenco degli ospiti, gli orari degli interventi. Chi desidera essere sempre aggiornato sulle novità del Festival può visitare la sezione News, che contiene le informazioni in tempo reale, insieme ai testi dei tweet pubblicati dall’account Twitter dell’iniziativa.

Infine, FestivalQuiz consente ai visitatori di aggiudicarsi la prima fila dei principali incontri e vivere il backstage del Festival di Dogliani semplicemente rispondendo alle domande del quiz.

Continua a leggere
26 Visite
0 Commenti

Fastweb Mobile, clienti +31%. 2017: 15mo trimestre consecutivo di crescita

3 maggio 2017 di Redazione

Nei primi tre mesi dell’anno Fastweb ha registrato una crescita del 7% del numero di clienti e ricavi per 453 milioni di euro, +3% rispetto a un anno prima. In crescita anche l’Ebitda – per il 15° trimestre consecutivo – a 145 milioni di euro (+11%). Stabili gli investimenti a 155 milioni di euro, pari al 34% dei ricavi. Procede il piano per portare entro il 2020 reti a banda ultralarga con architettura FTTC al 50% della popolazione e reti FTTH in 30 città.

Nel primo trimestre del 2017 Fastweb continua a crescere in termini di clienti, fatturato e margini, consolidando la propria posizione nel mercato della banda larga in Italia.

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK

Si conferma il trend di crescita nell’acquisizione di utenti di servizi di accesso a banda larga con 45mila nuove unità che portano la base clienti a 2,4 milioni. Rispetto al 1Q del 2016, i clienti sono aumentati di 159mila unità (+7%), confermando la posizione di Fastweb come primo operatore alternativo del mercato broadband, già certificata dall’AGCOM nell’ultimo Osservatorio sulle Comunicazioni. L’aumento della base clienti è stato trainato dal successo delle offerte di banda ultralarga a 100 e 200 Mbps e ulteriormente rafforzato dal lancio della nuova offerta a 1 Giga a Milano che nel corso dell’anno sarà estesa ad altre città.

Nel primo trimestre i ricavi hanno raggiunto 453 milioni di euro, in aumento di 13 milioni di euro rispetto ai 440 milioni di euro di un anno prima (+3%). Seppure il mercato continui a essere caratterizzato da una forte dinamica concorrenziale, Fastweb si rafforza in particolare sia nel segmento consumer che in quello business. In crescita anche il segmento dei Servizi a Valore Aggiunto per le Grandi Aziende e la Pubblica Amministrazione. L’incidenza dei servizi innovativi (Cloud, Cybersecurity, ecc) sui ricavi totali del mercato Enterprise ha superato il 20%.

L’EBITDA (earning before interest depreciation and amortization) al 31 marzo 2017 ha raggiunto 145 milioni di euro, in crescita dell’11% rispetto ai 131 milioni di euro di un anno prima, grazie anche a condizioni regolamentari favorevoli. Si tratta del 15° trimestre consecutivo di crescita per l’EBITDA. Il margine EBITDA è aumentato di circa due punti percentuali raggiungendo il 32%.

L’estensione della rete ultra broadband è proseguita a pieno ritmo con i lavori di cablatura avviati in 30 nuove città nel corso del primo trimestre. A fine marzo erano 7,7 milioni le abitazioni e le imprese complessivamente raggiunte dalla fibra ottica di Fastweb in 130 città. Di queste, 2,5 milioni erano in tecnologia Fiber to the Home, anche grazie al contributo di FlashFiber – la joint venture con TIM creata a luglio 2016 per la realizzazione della rete FTTH in 29 città – che a fine marzo raggiungeva una copertura di 460 mila unità abitative e imprese.

Dall’inizio dell’anno Fastweb ha investito 155 milioni di euro, pari al 34% dei ricavi, confermando il proprio impegno per l’infrastrutturazione in fibra del paese.

La strategia di investimenti su infrastruttura ultra broadband paga anche in termini di quota di mercato: i clienti Fastweb attivi in fibra ottica con collegamenti da 100 Mbs a 1 Giga erano 864 mila al 31 marzo, in crescita del 29% rispetto ai 669 mila dello scorso anno, con un tasso di acquisizioni nette più che duplicato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Estremamente positive anche le performance del segmento mobile: 763mila SIM attive – in crescita del 31% rispetto al primo trimestre 2016 – ma soprattutto un tasso di acquisizione di nuovi clienti che è quasi triplicato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, anche per effetto della qualità dei servizi erogata ora su rete 4G e 4G plus.

Continua a leggere
18 Visite
0 Commenti

Continua anche Wind Smart 7+: proroga fino al 12 maggio. Come averla online

3 maggio 2017 di Tommy Denet

Continua il bollettino delle proroghe in casa Wind3.
Ieri è stato il turno della Play GT5 di H3G, oggi tocca a Wind

Arriva la proroga al 12 maggio 2017 dell’offerta Wind Smart 7+ per i clienti che Passano a Wind su nuova SIM Ricaricabile provenienti da TIM e da TUTTI gli Operatori virtuali (ad es. CoopVoce, Tiscali, Fastweb, Poste Mobile…).
Invariato il bundle*:
– 1000 minuti verso tutti
– 7 Giga
Canone: 7 euro ogni 4 settimane.

Wind Smart 7+ prevede un costo di attivazione pari a 9 euro invece di 19 euro con nuova SIM attiva per 24 mesi. In caso contrario è previsto l’addebito dei restanti 10 euro.

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK

Wind Smart 7+ sarà attivabile dal punto vendita sia con coupon che dalla sezione “Wind per te”.

I codici coupon sono scaricabili dalla pagina: https://www.wind.it/it/wind-smart-7-plus/.
La data di scadenza per l’ attivazione dell’offerta da coupon nei punto vendita è il 13 maggio 2017.

Riguardo alla tariffazione* extrasoglia si ricorda che superati i GIGA disponibili la navigazione sarà bloccata.
Al superamento dei minuti inclusi verrà applicata una tariffa senza scatto alla risposta e con tariffazione al secondo di 29 CENT/min. I minuti eventualmente non utilizzati nel corso dei 28 giorni scadono improrogabilmente. Gli SMS sono tariffati secondo il proprio piano tariffario.

Continua a leggere
33 Visite
0 Commenti

L’offerta speciale Play GT5 continua. E si possono abbinare tre smartphone, tra cui iPhone 7

2 maggio 2017 di Tommy Denet

La proroga era nell’aria ed è arrivata…



3 Italia, infatti, ha da poco informato la propria rete vendita che l’offerta PLAY GT5 è stata prorogata fino alla mezzanotte del 12 Maggio.

Ricordiamo che, come nelle precedenti versioni. l’offerta è rivolta solo ed esclusivamente ai clienti che chiedono MNP da TIM e dagli operatori virtuali.

L’offerta è disponibile con o senza smartphone, nelle due modalità attivabili già nei giorni scorsi.

PLAY GT5 comprende:
1000 minuti;
10 GB di internet 4G-LTE
Canone 5€/4 settimane.

Le soglie e gli addebiti sono settimanali, l’offerta prevede inoltre un costo di attivazione di 9€.

Per la versione solo sim l’addebito è settimanale su credito residuo.

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK

La versione con smartphone prevede un impegno di 30 mesi, l’addebito mensile su metodo di pagamento scelto e un anticipo per lo smartphone che varia a seconda del listino, consultabile nella sezione “Listini”.

PLAY GT5 con Huawei P8lite a 9€ al mese, disponibile con SDD o CDC PLAY GT5 con Samsung Galaxy A3-2017 a 12€ al mese, disponibile solo con CDC PLAY GT5 con iPhone 7 32GB a 23€ al mese, disponibile solo con CDC

Ricordiamo che incluso nell’anticipo dello smartphone, viene attivata anche l’opzione GIGA DAYS: 10 GB in più di internet in 2 mesi, per far provare a tutti i clienti la velocità della rete 4G.

Continua a leggere
35 Visite
0 Commenti

On air il nuovo spot 3 per il nuovo Samsung Galaxy S8

2 maggio 2017 di Redazione

Con l’offerta Free un viaggio tra le stelle e il nuovissimo Samsung Galaxy S8

È on air in tv il nuovo spot 3 che, centrato sul pay-off “the future you want”, racconta i valori di Tecnologia, Trasparenza e Fiducia, che caratterizzano il posizionamento del brand 3, da sempre all’avanguardia nelle scelte tecnologiche e riferimento per i clienti alla ricerca di soluzioni digitali e tecnologiche.

Nel nuovo spot i testimonial del format “the future you want”, Mia e  Luca sono in compagnia di un gruppo di ‘millennials’, questa volta in una location particolarmente futuristica:  un planetario. Tra stelle e pianeti, il sogno di scoprire mondi e personaggi alieni si fa sempre più coinvolgente, grazie anche al nuovo Samsung Galaxy S8 che rende l’esperienza visiva ‘immersiva’ e senza confini. Ed è proprio tra la magia delle stelle che lo sguardo di Luca incontra quello di una ragazza e ne rimane affascinato.

Al centro della comunicazione Free, l’offerta più completa del portafoglio 3, che propone fino a 30 giga di internet, minuti illimitati, sms e il nuovo Galaxy S8 a partire da 25 euro.

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK

In più dopo un anno, il cliente è libero di cambiarlo con un modello più nuovo, per avere sempre il meglio dell’ultima tecnologia disponibile.

TUTTA L’OFFERTA TRE PER AVERE UN SAMSUNG S8

Credits
Regia: Giuseppe Capotondi
Agenzia: Ogilvy & Mather Italia
Casa di Produzione: Mercurio Cinematografica
Musica: “Tutto molto interessante” di Fabio Rovazzi

 

 

Continua a leggere
23 Visite
0 Commenti

Tiscali, il bilancio 2016 testimonia la ripresa: in aumento ricavi e clienti, sia nel fisso che nel mobile

2 maggio 2017 di Redazione

Crescono i ricavi Reported del Gruppo Tiscali a 207,2 milioni di Euro (202,1 milioni di Euro registrati nell’esercizio 2015); + 2,5% a totale anno 2016 e +7,0% nel secondo semestre 2016 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente a conferma dell’avvenuta inversione dell’andamento negativo dei ricavi che aveva caratterizzato gli ultimi esercizi.

Entro l’anno in corso prevista ulteriore iniezione di cassa da 13 a 15 milioni di euro da parte dei principali soci a conferma della fiducia nel business model e nel piano di Tiscali.

Ebitda Netto a 30 milioni di Euro (39,1 milioni di Euro registrati nell’esercizio 2015). Al netto di una posta una tantum registrata nel primo semestre 2015 (12,8 milioni di Euro) e dell’impatto di consolidamento di Aria (-5,1 milioni di Euro di Ebitda 2015) crescita organica dell’Ebitda pari a +39,2% YoY;

Pieno ritorno alla crescita del portafoglio clienti, caratterizzato da:

Clienti Broadband fisso pari a circa 450mila, in crescita di oltre 11mila unità nel 2016 (-9mila nel primo semestre 2016 e + 20k nel secondo semestre); Clienti mobile pari a 166mila unità, in crescita di 30k unità nel 2016 (+10k nel primo semestre e +20k nel secondo semestre 2016)

Significativo rilancio degli investimenti di Rete Ultrabroadband, fixed wireless e fibra, rispetto al 2015 a supporto della futura crescita:

Installate, ad aprile 2017, oltre 200 Base Stations LTE per il servizio Ultrabroadband Wireless fino a 100Mbs, su cui sono attivi circa 20k clienti, acquisiti in 5 mesi; Sviluppo connettività FTTH per sfruttare l’accordo con Open Fiber (a Cagliari già 1.000 adesioni in 3 settimane).

Razionalizzazione organizzativa e rifocalizzazione sul core business attraverso la cessione di asset non strategici ed esternalizzazioni e di attività:

Cessione del ramo di azienda “Business” a Fastweb; Affitto del ramo d’azienda “IT” a Engineering; Completata la cessione di Streamago e avviate le dismissioni di Indoona e Istella; o Perimetro del personale proiettato da oltre 1.000 risorse a circa 770; Significativa riduzione degli Opex grazie ad efficienze operative.

Risultato Netto di Gruppo negativo per 45 milioni di Euro, rispetto al dato corrispondente del 2015 negativo per 18,5 milioni di Euro. Il confronto con il periodo precedente è influenzato da:

19 milioni di euro di ammortamenti legati alla rete Fixed Wireless non presenti nel 2015; 7 milioni di euro di perdite relative alle attività dismesse non presenti nel bilancio 2015; 12,8 milioni di euro di impatto positivo sul risultato 2015 per effetto di una partita una tantum.

Posizione Finanziaria Netta negativa a 191 milioni di Euro, rispetto al dato di 173,1 milioni di Euro del periodo corrispondente del 2015.

Il segmento Broadband, che accoglie i servizi di accesso a internet, ha generato ricavi nell’esercizio 2016 per circa 151,8 milioni di Euro (136 milioni di Euro da “Accesso Fisso” e 15,8 milioni di Euro di “Accesso Fixed Wireless”), in aumento del 1,2% rispetto al dato del corrispondente esercizio 2015 (150 milioni di Euro). Al netto del consolidamento della componente “Accesso Fixed Wireless” imputabili interamente al Gruppo Aria, i cui dati sono consolidati a decorrere dal 31 dicembre 2015, la variazione rispetto al corrispondente dato del 2015 è pari al -9,3%. Tale riduzione si è ridotta progressivamente nel corso dell’anno 2016 ed è pari al -5,4% nel secondo semestre 2016 grazie in particolare all’inversione nel trend del portafoglio clienti BroadBand Fisso avvenuta a partire da Giugno 2016 (+20mila unità a Dicembre 2016 rispetto a Giugno 2016).

Al 31 dicembre 2016 i clienti attivi totali sono pari a 697,1 mila unità in aumento di circa 11 mila unità rispetto al dato del 31 dicembre 2015 (686,6 mila unità) di cui clienti da “Accesso BroadBand” pari a 449,7 mila unità, in aumento di circa 11 mila unità, clienti Fixed Wireless” pari a 75 mila unità di cui oltre 10 mila clienti UltraBroadBand LTE Fixed Wireless, di cui clienti mobili pari a 166 mila unità, in forte crescita (+30 mila unità) rispetto al dato comparabile al 31 dicembre 2015, clienti Altri pari a 6,3 mila unità.

Il segmento MVNO registra una crescita del 20,8%, passando da 8,9 milioni di Euro nel 2015 a 10,7 milioni di Euro nel 2016 grazie alla crescita di circa 30 mila unità registrata nel portafoglio clienti Mobile.

CS

Continua a leggere
15 Visite
0 Commenti

Smart City: Swisscom e l’IMD uniscono ancora una volta le loro forze per aiutare le città a digitalizzarsi

1 maggio 2017 di Redazione

Swisscom pubblicherà in collaborazione con l’IMD (International Institute for Management Development) un nuovo studio il cui scopo è quello di aiutare gli enti pubblici a raggiungere uno dei loro obiettivi: digitalizzarsi. Questo documento fornisce una metodologia completa nonché uno strumento decisionale che fungerà da supporto per le persone che amministrano le municipalità nella scelta di progetti in ambito digitale.

Le iniziative Smart City non sono dotate di un quadro operazionale in grado di guidare il cammino intrapreso dai responsabili degli enti pubblici. Ed è proprio su questa constatazione che l’IMD e Swisscom hanno concentrato i loro sforzi due anni fa per creare Smart City Piano, una vera e propria prassi da seguire per quanto concerne la digitalizzazione delle città. Da allora sono stati realizzati numerosi progetti sulla base del piano in questione e questo è avvenuto su scale geografiche differenti, partendo dalle città per arrivare alle regioni. Durante la realizzazione di queste iniziative si è resa subito chiara la necessità da parte delle autorità pubbliche di una metodologia più dettagliata: questo concretamente significa poter disporre degli elementi chiave per definire, selezionare e realizzare i progetti più promettenti.

Un metodo che contempla sei tappe concrete Complessivamente questo rapporto fornisce un metodo che contempla sei tappe create sulla base di colloqui con responsabili di progetto operanti all’interno di enti pubblici e nel mondo degli affari. L’esperienza acquisita nella realizzazione di progetti con i clienti di Swisscom ha permesso di affinare il metodo proposto. “I nostri progetti, che sono stati concepiti insieme al Cantone di Ginevra e alle municipalità di Pully, Montreux e Friburgo, ci hanno permesso di appurare la veridicità di determinate ipotesi e di trovare le soluzioni ai problemi che erano stati riscontrati, come quello delle adeguate modalità di governo e amministrazione giusto per fare un esempio”, rivela Raphaël Rollier, responsabile del programma Smart City di Swisscom.

Lo studio in questione peraltro fornisce consigli su come mettere in pratica al meglio i contenuti del Smart City Piano. Blaise Vonlanthen, responsabile Consulting Swisscom, ritiene che dal punto di vista pratico le possibilità di applicazione siano innumerevoli: “Con il nuovo metodo, siamo in grado di aiutare le città a concentrare le proprie risorse sulle iniziative che forniscono un contributo effettivo agli obiettivi fissati.”

Una dinamica specifica del settore pubblico

Nel 2015 l’IMD ha creato in collaborazione con Cisco il Global Center for Digital Business Transformation. Centinaia di aziende in tutto il mondo, provenienti da settori differenti, si rivolgono a questo centro per pianificare il loro percorso di trasformazione digitale. “Ad ogni modo si necessitano nuovi metodi per poter trasformare il settore pubblico e per lo sviluppo intelligente di città o regioni. Molti concetti che sono validi per il settore privato, non possono essere semplicemente trasferite al settore pubblico.”, afferma Michael Wade, professore di Innovazione e strategia all’IMD e co-autore dello studio. Questa collaborazione permette di comprendere più a fondo le dinamiche specifiche della trasformazione digitale in questo contesto. Lo studio in questione permetterà alle persone che si occupano dell’amministrazione della municipalità di accelerare la transizione verso il digitale in modo mirato.

Lo studio è stato presentato nell’ambito di un workshop di SmartSuisse.

Continua a leggere
17 Visite
0 Commenti

ANTICIPAZIONE Mondo3: ecco le tappe per l’apertura del Roaming Wind alle SIM 3

29 aprile 2017 di Tommy Denet

Si susseguono rapidamente, in questo weekend di fine aprile, le possibili notizie e i rumors relativi a quella che sarà l’evoluzione della rete mobile WindTre, ed in particolare alla progressiva apertura del roaming nazionale per i clienti 3 sulla rete Wind.

MONDO3 SU TELEGRAM | MONDO3 SU FACEBOOK

L’avvio, come anticipato da Mondo3 solo poche ore fa, dovrebbe essere imminente per una fase di test sul campo in alcune zone limitate (Frosinone, Latina e Castelli Romani), che dovrebbero essere abilitate già al termine di questo “ponte” festivo del 1 Maggio 2017.

Cosa succederà dopo?

Sembrano trovare conferma le ipotesi già avanzate nelle passate settimane all’interno del Forum di Mondo3: l’abilitazione del Roaming nazionale su rete Wind avverrebbe per tutti i clienti 3 Italia secondo un programma di aperture su base geografica.

Dando per scontato che il test finale pubblico abbia avuto buon esito, queste sembrano essere le tappe previste – al momento – per la progressiva estensione del servizio:

MAGGIO 2017

Seconda settimana (8-12/05): Abruzzo, Marche, Molise, Puglia Terza settimana (15-19/05): Lazio e Sardegna Quarta settimana (22-26/05): Basilicata, Calabria, Sicilia Quinta settimana (29-31/05): Liguria, Lombardia, Piemonte, Valle D’Aösta

GIUGNO 2017

Seconda settimana (5-9/06): Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto Terza settimana (12-16/06): Campania, Toscana, Umbria

Ovviamente le date sarebbero indicative e suscettibili di variazioni, nel caso sorgessero problemi imprevisti durante l’attuazione del programma.

Inoltre, in un primo momento, ed almeno fino al completamento dell’abilitazione su tutto il territorio nazionale, le reti accessibili saranno solamente GSM (2G) ed UMTS (3G). L’apertura del roaming 4G (LTE) sarebbe prevista per le settimane successive, e sarebbe comunque limitata ai clienti 3 con Opzione LTE attiva.

Contestualmente all’aumento delle aree in cui sarà possibile fruire del roaming nazionale con la rete Wind, inizierà la graduale chiusura del roaming TIM. Tale processo dovrebbe comunque iniziare solamente una volta terminata la totale apertura di quello con Wind. Anche qui sarebbero previste delle tappe indicative, a partire dalle regioni del Nord Italia il 20 giugno (per Liguria, Lombardia, Piemonte e Valle D’Aosta) e 27 giugno (Emilia Romagna, Veneto, Friuli V.G., Trentino A.A.A.). Sarebbe poi la volta del Centro Italia il 4 luglio (Abruzzo, Lazio, Marche, Molise, Sardegna, Toscana, Umbria) e l’11 luglio per le restanti regioni del Sud (Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia).

Sarebbero escluse da questo taglio alcune zone turistiche, dove il roaming TIM potrebbe durare per tutta l’estate (fino al 23 o 30 agosto 2017).

La progressiva attuazione di queste modifiche dovrebbe essere annunciata ai clienti via via impattati tramite comunicazione a mezzo SMS da parte del gestore.

Al termine di questa fase, dovrebbe prendere il via la costruzione della nuova rete comune, che – come ipotizzato anche nel nostro Forum – dovrebbe basarsi sulla copertura Wind, in crescita grazie all’integrazione con le nodeB di 3 Italia, man mano che verranno sostituite le attuali infrastrutture con quelle di ZTE, nuovo fornitore unico della JV WindTre.

Si ricorda che – senza ufficializzazioni da parte di WindTre SpA – quelle riportate sono da ritenersi indiscrezioni senza alcun valore informativo e commerciale.

Continua a leggere
31 Visite
0 Commenti